Il Problema

Il meteorismo è un disturbo frequente, dovuto alla presenza di quantità eccessive di gas nello stomaco e nell’intestino.
Si manifesta con una sintomatologia caratterizzata inizialmente da fastidio addominale, senso di gonfiore e rumori intestinali (borborigmi), che, protraendosi nel tempo, possono complicarsi in forti dolori addominali e crampi.

Il meteorismo si innesca durante il processo digestivo, quando gli zuccheri e la cellulosa “fermentano” nell’intestino, con la conseguente formazione di azoto, metano e anidride carbonica.

Una delle cause più diffuse di questo disturbo è il cattivo funzionamento del colon, conosciuto come sindrome del colon irritabile, ma può derivare anche da intolleranze alimentari o, più semplicemente, dal consumo di alcune fibre non idrosolubili, che tendono a fermentare e, di conseguenza, ad aumentare la produzione di gas.

Gas di cui sono ricchi alcuni vegetali come i legumi (fagioli, piselli secchi e lenticchie), ma anche altre verdure a foglia verde (cavoli, broccoli e cavolfiori), la soia, i ravanelli, le cipolle, i cetrioli e i peperoni.

Anche i cibi grassi (fritti, salse), quelli con alto contenuto di lattosio (latte, gelato, creme) e i dolcificanti artificiali (sorbitolo, mannitolo e prodotti che li contengono) possono favorire l’accumulo di gas nello stomaco e nell’intestino, come anche l’abuso di tè, caffè o bevande gassate.

Oltre alla fermentazione di zuccheri e carboidrati dovuta a cattiva digestione, il meteorismo può avere un’altra causa: l’aerofagia, cioè l’ingestione di aria durante la deglutizione di cibi e bevande, che provoca nello stomaco il tipico gonfiore.

Questo disturbo, dovuto alla formazione di bollicine d’aria nella saliva, che vengono di seguito ingerite, dipende spesso da cattive abitudini come mangiare velocemente, masticare a lungo un chewing-gum o fumare.